Vaccino universale contro il cancro: basta con il sensazionalismo

Schermata 2016-06-05 alle 18.07.41“Scoperto un vaccino universale contro il cancro”. Una notizia che farebbe sobbalzare chiunque dalla sedia, specialmente se quel chiunque ha un familiare che da tempo lotta contro un tumore. Eppure quella notizia è stata data, per la precisione la sera di mercoledì 1 giugno 2016. Siamo di fronte ad una vera e propria rivoluzione o all’ennesima sparata di chi si occupa di “fare informazione”? Se non volete dilungarvi nella lettura di questo post ecco a voi la risposta: no, ad oggi non esiste nessun vaccino universale contro il cancro.

Il vaccino sviluppato da un gruppo di scienziati tedeschi –che non previene il cancro bensì lo attacca e dunque viene chiamato “vaccino terapeutico”- ha dimostrato essere efficace (studi effettuati sui topi e su 3 persone) in alcuni casi di melanoma agendo attraverso la stimolazione del sistema immunitario. Una strategia utilizzata da anni –l’immunoterapia- che oggi ha già portato sul mercato diversi farmaci in grado di cambiare la storia di diversi tumori. Non è un caso che proprio in questi giorni, al congresso ASCO -il più importante appuntamento nella lotta al cancro-, gli oncologi di tutto il mondo siano a discutere di immunoterapia.

La vera novità dello studio tedesco pubblicato su Nature è nella modalità con cui viene stimolato il sistema immunitario, teoricamente valido per qualunque tumore. Un approccio promettente –ancora in gran parte da valutare- che al momento è ancora ben lontano dall’essere considerato cura universale. Perché allora tutta questa enfasi per la notizia da parte dei media nostrani? L’interesse dei media per la vicenda è iniziato in mattinata quando le agenzie stampa (ANSA ecc…) hanno cominciato a divulgare sotto embargo (per i profani, si tratta di comunicare in anteprima ai giornali una news che uscirà ufficialmente qualche ora dopo) la notizia dal titolo “scoperto un vaccino universale contro il cancro”. Con un “lancio di agenzia” del genere le redazioni sono entrate in fibrillazione. Una notizia troppo ghiotta per lasciarsela scappare. Purtroppo però, come sempre più spesso accade, il tempo per approfondire è sempre meno e la presenza di interna di giornalisti qualificati del settore è al minimo storico. Risultato? Alle ore 19, alla scadenza dell’embargo, telegiornali e siti web annunciavano la notizia “bomba”.

Prevedendo che sarebbe andata in questo modo ho provato a cercare sui media esteri traccia della notizia. In fondo una news del genere dovrebbe comparire su tutti i siti web del mondo. Ricerca vana, non una riga sul New York Times, qualche articolo che riporta la scoperta -giustamente- senza troppo sensazionalismo. La mattina seguente, il 2 giugno, stessa storia. Molti quotidiani hanno dedicato uno spazio in prima pagina alla notizia. Una delle poche eccezioni -tra i giornali cartacei- è Repubblica, a lei il merito di aver dedicato solo poche righe -senza richiamo in prima- raccontando la notizia per quella che è, un buono e promettente studio.

Credo che il primo compito di un giornalista che si occupa di salute sia quello di non creare facili illusioni in chi legge, specialmente se si scrive di patologie come il cancro. Per scrivere di salute occorre avere quelle competenze che ti consentano di contestualizzare ciò che stai raccontando. Finché dai notizia del nuovo laser che ti permetterà di non fare più la ceretta è un conto, per altri argomenti meglio lasciare perdere il sensazionalismo. Lo si faccia almeno per rispetto di chi oggi sta affrontando la malattia. La ricerca avanza per piccoli passi. Diffidare da chi vuol far credere che basti una soluzione semplice ad un problema molto complesso. Per quelle ci hanno già pensato Di Bella e Vannoni. Non mettiamoci ora anche noi giornalisti.

Per maggiori approfondimenti sulla notizia a questo link potete trovare un mio articolo, pubblicato da Fondazione Veronesi, in cui cerco di contestualizzare la notizia del “vaccino universale:

http://www.fondazioneveronesi.it/articoli/oncologia/vaccino-universale-contro-il-cancro-bufala-o-verita/

Annunci

Un vaccino naturale chiamato Fido

Da un mio articolo su Corriere.it (link all’articolo originale)
MILANO – Si dice che il cane sia il miglior amico dell’uomo, ma da oggi si potrebbe anche dire che il cane sia il miglior alleato contro le allergie. Infatti, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Pediatrics dai ricercatori del Children’s Hospital di Boston e della University of Cincinnati (Usa), i bambini che a un anno di età hanno un cane come compagno di gioco hanno minori probabilità di sviluppare un eczema a 4 anni e di diventare allergici anche nei confronti del pelo di gatto. Non è vero però il contrario: se in casa è presente l’eterno nemico del cane, il rischio di ammalarsi aumenta sensibilmente.

LO STUDIO – L’indagine ha preso in esame un campione composto da 638 bambini figli di genitori allergici, e che per questo si riteneva avessero una probabilità maggiore di ammalarsi rispetto a dei bambini con genitori sani. I volontari sono stati monitorati dalla nascita sino al quarto anno di età attraverso 17 differenti test allergologici effettuati annualmente. Dai risultati è emerso che i bambini che all’interno della propria casa avevano un cane erano meno predisposti a sviluppare l’eczema, se l’animale era presente sin dai primi giorni di vita del neonato. Per contro, se il miglior amico dell’uomo e il neonato venivano tenuti lontani sin dalla nascita, la probabilità di avere eczemi aumentava di ben 4 volte. Discorso completamente differente è quello che riguarda invece i felini. A differenza dei cani, la presenza di un gatto in casa aumentava di circa 13 volte la possibilità di sviluppare un eczema nei bambini a rischio di allergia. La presenza del gatto però non influiva in maniera negativa sulla presenza di eczemi nei bambini senza predisposizione familiare.

POSSIBILE SPIEGAZIONE – In base ai risultati ottenuti dai ricercatori americani sembrerebbe che la presenza del cane conferisca ai bambini la necessaria protezione immunitaria contro l’eczema. Fido rappresenterebbe dunque una sorta di vaccino in carne e ossa capace di immunizzare il neonato sin dalla nascita. «L’effetto protettivo potrebbe essere dovuto a una sorta di immunoterapia naturale – spiega Tolly Epstein, una delle autrici dello studio -. I bambini che stanno a lungo a contatto con i cani diventerebbero nel tempo tolleranti ai suoi allergeni».

NON SOLO CIBO – Lo studio ha inoltre preso in esame alcune tra le più comuni allergie alimentari, come quella che vede imputato l’uovo come principale fattore scatenante l’eczema. Al contrario di quel che ci si poteva aspettare, dai risultati ottenuti non è emersa nessuna relazione tra l’alimento in questione e la manifestazione di eruzioni cutanee. «Spesso – dichiara Epstein – quando si parla di allergie nei bambini si tende a focalizzare l’attenzione su quelle alimentari. Il nostro studio ha dimostrato invece che gli allergeni presenti nell’aria, prodotti dagli animali o dovuti all’inquinamento atmosferico, possono avere un ruolo più importante di quanto si è sempre pensato».

Daniele Banfi