Fotografare la visione (La Stampa, Tuttoscienze)

Da un mio articolo su La Stampa (link all’originale)

Mentre state leggendo queste prime parole nel vostro occhio stanno avvenendo milioni di reazioni chimiche cicliche che vi permettono di vedere. Un processo talmente veloce che nel passato è sempre sfuggito a qualunque tipo di osservazione. In uno studio apparso sulla rivista Nature, il team del professor Marco Garavelli dell’Università di Bologna, in un progetto internazionale che ha visto la collaborazione del Politecnico di Milano e della University of California di Berkeley, è riuscito per la prima volta al mondo a immortalare gli istanti iniziali del processo chimico responsabile della visione. Non solo, lo studio ha dimostrato una volta per tutte l’esistenza delle intersezioni coniche, aree capaci di accelerare le reazioni chimiche ma la cui presenza era prevista solo a livello teorico.

L’occhio umano è composto da milioni di cellule tra cui i bastoncelli, strutture responsabili della visione notturna, capaci di captare la luce e trasformarla in impulso nervoso grazie alla presenza di una proteina chiamata rodopsina. Nel cuore di essa vi è il retinale, una molecola sensibile alla luce che è in grado di dare il via alla complessa serie di reazioni che generano l’impulso elettrico. «Il fenomeno che sta alla base della visione è uno di quei processi foto-chimici più veloci che si conoscano in natura. Dal momento in cui un fotone colpisce una molecola di rodopsina la prima reazione si conclude in un tempo brevissimo pari a circa 200 femtosecondi» dichiara Marco Garavelli. Il retinale, in quell’istante in cui i fotoni impattano con l’occhio, cambia rapidamente la propria forma generando così la cascata di reazioni che portano alla visione. Il processo oltre ad essere molto veloce ed estremamente efficiente è rimasto per molto tempo misterioso. Mai nessuno infatti era riuscito ad osservarlo in maniera diretta e a decifrarne ogni singolo cambiamento conformazionale.

Dopo più di dieci anni di studi finalmente i gruppi di ricerca coinvolti nell’esperimento sono stati in grado di realizzare una sorta di filmato in tempo reale di questo processo di trasformazione. Il lungo lavoro che ha portato allo straordinario risultato si è diviso in due parti. La prima, ad opera del professor Garavelli, ha avuto come obiettivo l’ottenimento, attraverso l’utilizzo di potenti calcolatori, della simulazione virtuale di come avviene la reazione. Un filmato dettagliato di ogni minimo cambiamento conformazionale della rodopsina. La seconda, grazie al professor Cerullo del Politecnico di Milano, a “filmare” in tempo reale la reazione che avviene a livello oculare. Ciò è stato possibile grazie all’utilizzo di una sorta di “telecamera”, in grado di catturare ogni singolo fotogramma della reazione, attraverso flash di luce laser ultraveloci dell’ordine di pochi miliardesimi di milionesimi di secondo. «La nostra simulazione ottenuta attraverso strumenti informatici è stata confrontata con i risultati provenienti dagli esperimenti effettuati a Milano. Straordinariamente i dati rilevati sperimentalmente combaciavano perfettamente con la simulazione al computer» continua Garavelli.

Come detto in precedenza, i risultati ottenuti hanno fornito la prova pratica dell’esistenza di un particolare processo noto con il nome di “intersezioni coniche” o, più semplicemente “buchi neri della chimica”. Sino ad oggi, queste aree previste solo a livello teorico, sono state finalmente dimostrate a livello sperimentale. Come dichiara Garavelli, «Il fenomeno può essere paragonato a quello che si verifica in campo astronomico. In analogia ai buchi neri appunto, le intersezioni coniche sono dei punti in grado di attirare, catturare e infine accelerare le molecole in gioco rendendo così la reazione chimica estremamente veloce ed efficiente. Ciò spiega l’elevata sensibilità dell’occhio umano e non solo». Pensiamo ad esempio alla visione notturna di molti animali che riescono a percepire, in condizioni di luce quasi assenti, la più flebile delle sorgenti luminose. Questa grande sensibilità dell’occhio è proprio possibile grazie alla velocissima reazione foto-chimica.

Aver decifrato ogni singola fase della complessa e repentina reazione porterà, seppur non nell’immediato, a possibili applicazioni tecnologiche. «Studiare il comportamento delle proteine coinvolte nella visione è il passo necessario per lo sviluppo di tecnologie basate sulle reazioni foto-chimiche» conclude Garavelli. Imparando dunque dai processi che avvengono continuamente in natura è possibile pensare alla progettazione futura di sistemi, basati sulla sintesi di molecole analoghe a quelle biologiche, come memorie ottiche e sensori di luce simili alla retina. Non solo, lo studio di queste reazioni foto-chimiche è essenziale per comprendere il fenomeno biologico della foto protezione del DNA dalle radiazioni solari.

L’originale sul cartaceo (clicca per ingrandire):

Riparare il DNA

Da un mio articolo su ilsussidiario.net (link all’originale)

Anche se in questo periodo di pioggia ne sentiamo particolarmente la mancanza l’esposizione prolungata e senza protezioni alla luce del sole è alla base dello sviluppo dei tumori della pelle. Per fortuna il nostro corpo possiede una serie di sistemi in grado di riparare i danni al DNA causati dai raggi ultra-violetti (UV). Se però anche questi sistemi non funzionano, come nel caso di diverse malattie genetiche, allora la possibilità di sviluppare melanomi e altri tipi di tumore è assai elevata.
Un gruppo di ricercatori dell’Università degli Studi di Milano, coordinato da Marco Muzi Falconi e Paolo Plevani, ha individuato il meccanismo molecolare che sta alla base del processo di riparazione del DNA dai danni da raggi UV, soprattutto quando si tratta di danni particolarmente gravi o estesi. I risultati sono stati pubblicati dalla rivista Molecular Cell. Ne abbiamo parlato con uno degli autori, il professor Muzi Falconi. Ecco le risposte che ha dato a ilsussidiario.net

Professor Muzi-Falconi, quali sono gli effetti dei raggi UV sul DNA?

I raggi UV sono in grado di determinare delle mutazioni a livello del DNA. In presenza di un efficiente sistema di riparazione questi difetti vengono rimossi. Il problema insorge quando questi meccanismi non funzionano più e quindi il DNA comincia ad accumulare mutazioni che nel tempo possono portare allo sviluppo di tumori e altre patologie.

Esiste una patologia in particolare in cui il sistema di riparazione è danneggiato?

Si, tra le più famose vi è lo xeroderma pigmentoso, in cui pazienti sono così sensibili alla luce da essere costretti a vivere perennemente al buio per limitare il rischio di danni agli occhi e tumori della pelle. Poi vi è la sindrome di Cockayne, caratterizzata da invecchiamento precoce, e la tricotiodistrofia che provoca ritardo nello sviluppo.

Come funziona il meccanismo di riparo?

Quando le radiazioni UV sono limitate, un insieme di proteine interviene per individuare ed eliminare il DNA danneggiato. Questo viene sostituito successivamente con una nuova copia in modo da far sopravvivere la cellula. Se invece il livello di raggi UV assorbito è troppo elevato intervengono i checkpoint. Sono dei punti di controllo che, bloccando temporaneamente la possibilità della cellula di replicarsi, e quindi diffondere in più copie la mutazione, consentono ad essa di avere più tempo per riparare il danno. I checkpoint costituiscono una barriera contro la formazione dei tumori e il loro malfunzionamento è una caratteristica comune delle cellule tumorali.

Qual’è stato l’obbiettivo del vostro lavoro?

Abbiamo indagato in che modo una proteina, chiamata Exo1, sia in grado di individuare le lesioni più pericolose e soprattutto in che modo possa attivare i cosiddetti checkpoint descritti precedentemente.

Come si è articolata la ricerca?

Il lavoro è stato molto lungo; l’inizio del progetto infatti risale al 2003. Durante questi anni siamo andati a studiare i meccanismi di riparazione prima nelle cellule di lievito, che rappresentano un buon modello di studio, e poi in quelle umane. Nei precedenti studi abbiamo visto che le persone con xeroderma pigmentoso non erano in grado di attivare i checkpoint e quindi, oltre a non riparare il danno, accumulavano mutazioni. Nel lavoro attuale abbiamo voluto indagare quali fossero i principali responsabili del mancato riconoscimento del danno al DNA. Cercando tra le varie proteine coinvolte nel sistema di riparazione abbiamo individuato e analizzato l’attività di Exo1, responsabile dell’attivazione del checkpoint. In questo modo abbiamo dunque capito il complesso meccanismo molecolare con cui essa agisce.

Quali prospettive può aprire uno studio come il vostro?

Comprendere come lavorano nello specifico le proteine coinvolte nella riparazione dei danni è un passo avanti molto importante. Infatti ciò può aiutarci nella prospettiva di sviluppare applicazioni che potrebbero in futuro riguardare la prevenzione di varie patologie tra cui i tumori.

Crema abbronzante: tintarella genetica

Da un mio articolo su Corriere della Sera.it (Link all’originale)

MILANO – Lettini solari e ore sulla sdraio in riva al mare addio. Per avere una perfetta e naturale abbronzatura basterà spalmarsi di crema e aspettare che la melanina cominci a farsi vedere. Non con un autoabbronzante, ma agendo addirittura su un gene. Questa ipotesi, forse non così lontana dalla realtà, è frutto degli studi di un gruppo di ricerca guidato dal professor David Fisher del Massachusetts General Hospital. In un lavoro pubblicato dalla rivista Genes and Development il team del ricercatore statunitense, disattivando un particolare gene chiamato PDE-4D3, è riuscito a scurire la pelle degli animali sottoposti al test senza che fossero stati esposti al sole.

FATTORE MELANINA – La produzione di melanina, che noi ricolleghiamo al colorito dall’aspetto sano di chi si espone molto al sole, è in realtà un meccanismo di difesa, il rimedio naturale che il nostro corpo utilizza per difendersi dai danni provocati dalle radiazioni solari. Un ottimo sistema in grado di prevenire la formazione di tumori della pelle: studiarla è quindi di fondamentale importanza soprattutto per mettere a punto strategie di prevenzione.

LO STUDIO – La produzione di melanina è un processo che viene regolato da numerosi geni tra cui PDE-4D3. Esso è un enzima in grado di bloccare il meccanismo che porta alla produzione della preziosa sostanza protettiva. L’idea di Fisher è stata quella di disattivare tale gene per rimuovere così il blocco e produrre quindi più melanina. Lo studio è stato effettuato per ora nei topi. Attraverso la somministrazione di alcuni agenti chimici in grado di disattivare la funzione di PDE-4D3, i ricercatori sono riusciti a ottenere dopo soli cinque giorni un sorprendente aumento della pigmentazione della pelle degli animali rispetto a quelli non trattati. Tutto ciò senza mai averli esposti direttamente alla luce solare o sotto apposite lampade abbronzanti.

PREVENZIONE – Lo studio, pur essendo stato effettuato per ora sui topi, apre importanti prospettive anche per l’uomo. «L’obiettivo primario dell’indurre la produzione di melanina nell’uomo è la prevenzione del cancro della pelle, dal momento che tutte le forme più comuni di queste neoplasie sono associate all’esposizione ai raggi ultravioletti» dichiara David Fisher. Attivando dunque una maggior produzione di melanina la pelle risulterebbe più protetta e anche più abbronzata. La crema non c’è ancora, ma i risultati dello studio potrebbero aprire nuove prospettive per la ricerca. E un giorno, chissà, ci si potrà garantire una tintarella perfetta, proteggendo la pelle invece che mettendola a rischio.

Cancro al colon: diagnosi precoce più vicina

Da un mio articolo su ilsussidiario.net (link all’articolo originale)

Fluorescent long DNA: è questo il nome del nuovo test che potrebbe rivoluzionare la diagnosi precoce dei tumori al colon. A mettere a punto la tecnica sono stati i ricercatori italiani dell’IRST, l’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori; l’istituto, interamente dedicato alla cura, alla ricerca clinica, biologica e traslazionale e alla formazione in campo oncologico, è operativo dal 2007 all’interno delle strutture dell’ex Ospedale Civile di Meldola (FC) a partire da un’alleanza pubblico-privato tra enti non profit. I risultati dell’efficacia del test sono stati pubblicati dalla rivista Cancer Epidemiology, Biomarkers and Prevention.

Il tumore del colon rappresenta oggi la seconda causa di morte per cancro al mondo. Proprio per il lento progredire della malattia, una diagnosi eseguita il più precocemente possibile aumenterebbe di molto la possibilità di sopravvivenza a questo tipo di cancro. «Attualmente la metodica più utilizzata per la diagnosi precoce del tumore al colon è quella che prevede la ricerca di sangue occulto nelle feci» spiega Daniele Calistri, uno degli autori dello studio.

Questo test però presenta ancora alcuni problemi dovuti all’incertezza del risultato in termini di falsi negativi, ovvero persone che nonostante risultino negative stanno sviluppando la malattia. Il tumore al colon infatti ha la caratteristica di sanguinare ad intermittenza e, soprattutto nelle fasi più precoci del suo sviluppo, questo fenomeno può essere assente e quindi non individuabile attraverso le analisi. Proprio per questa ragione si è alla ricerca di un test più affidabile per lo screening sulla popolazione.

L’analisi è stata condotta ricercando il DNA presente nelle feci dei pazienti. Le cellule che normalmente sono contenute al loro interno sono generalmente cellule morte che presentano del DNA frammentato. Al contrario, in caso di lesioni o tumori, l’intestino rilascia delle cellule vive che come tali possiedono un DNA più integro di quelle morte.

«Analizzando la quantità e il grado di frammentazione del DNA delle cellule presenti nelle feci -continua Calistri- è possibile valutare la presenza o meno di un eventuale tumore». Gli studi che hanno dimostrato l’innovativa efficacia del test sono stati effettuati in persone positive al test del sangue occulto (il cosiddetto test Fobt): l’indagine è stata condotta su un’ampia serie di pazienti con quelle caratteristiche reclutati nell’ambito del programma di screening in corso presso l’Unità oncologica di prevenzione dell’ospedale Morgagni di Forlì, per gli individui di età compresa tra 50 e 69 anni.

Lo scopo ultimo della nuova metodologia di screening ideata dai ricercatori italiani è quella di sostituire l’attuale test d’indagine per arrivare ad individuare per tempo le persone malate sin dai primi stadi dello sviluppo tumorale. «Dato che la diagnosi definitiva deve però comunque essere effettuata tramite colonscopia -conclude Calistri-, la maggior accuratezza diagnostica della nuova metodica permetterebbe di diminuire il ricorso a questa tecnica invasiva e di diminuire i casi di falsi negativi».

Vino contraffatto: un test italiano per identificarlo

Da un mio articolo su ilsussidiario.net (link all’articolo originale)

Il residuo che si forma sul fondo delle bottiglie di vino non sembra piacere ai consumatori. Per questa ragione i grandi produttori vinicoli hanno da tempo trovato il modo per eliminare il problema. Il processo adottato viene tecnicamente definito con il termine di “chiarificazione”. Le sostanze che vengono utilizzate maggiormente a tale scopo sono la caseina, per quanto riguarda i vini bianchi e l’ovalbumina per i vini rossi.

I chiarificanti addizionati al vino, causando la formazione di un precipitato gelatinoso, sono in grado di catturare tutte quelle proteine presenti in sospensione nella bottiglia che vengono poi successivamente eliminate per filtrazione.

Circa la chiarificazione, una normativa della Comunità Europea impone dalla scorsa estate che su ogni etichetta venga indicato se il vino è stato oggetto di un trattamento artificiale e, in caso affermativo, che sia segnalata la quantità di residuo presente all’interno della bottiglia. Questo perché caseina e ovalbumina, proteine che derivano rispettivamente da latte e uova, sono sostanze potenzialmente allergeniche.

L’esame di laboratorio che attualmente viene adottato dall’Unione Europea per stabilire la quantità di agenti chiarificanti è il test ELISA (Enzyme-Linked ImmunoSorbent Assay, cioè dosaggio immuno-assorbente legato a un enzima). Esso è in grado di rilevare quantità sino ai 200 microgrammi per litro di bevanda. Il test però potrebbe essere sostituito a breve da una nuova tecnica messa a punto in un progetto, finanziato dalla Fondazione Cariplo, dal gruppo di ricerca del professor Pier Giorgio Righetti del Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica “G. Natta” presso il Politecnico di Milano.

La metodica, chiamata CPLL (Librerie Combinatoriali di Ligandi Peptidici), è in grado di rilevare quantità prossime a 1 microgrammo per litro di vino, ben 200 volte inferiori al test in uso attualmente. I risultati delle analisi sono stati pubblicati dalla rivista Journal of Proteomics.

«Analizzando diversi vini bianchi e rossi abbiamo riscontrato residui compresi tra i 20 e gli 80 microgrammi. Quantità che di certo non causano shock anafilattici ma che possono essere causa di malesseri di varia natura. Vini, che secondo quanto dichiarato dai produttori, non dovrebbero contenere tracce di sostanze chiarificanti poiché eliminate attraverso il processo di filtrazione» dichiara il professor Righetti.

La tecnica sviluppata consiste nella preparazione di piccole sfere contenenti sulla superficie dei peptidi lunghi sei residui amino-acidici. Queste, poste nel liquido da analizzare, fungono da esca alle proteine presenti nel liquido. Ciò permette di catturare tutte le proteine in sospensione  e di calcolarne l’esatta quantità.

Oltre ad aver individuato minime tracce di agenti chiarificanti, l’analisi del gruppo milanese effettuata su alcuni vini rossi dell’annata 2009 ha permesso di riscontrare anche delle tracce di proteine provenienti da funghi patogeni. «La tecnica da noi sviluppata rappresenta dunque un’arma in più per il consumatore. Spero che le associazioni di settore e la Comunità Europea, venendo a conoscenza della nuova metodologia d’indagine, possano tenerne conto per analisi future volte a tutelare la salute del consumatore» conclude Righetti.

Obesità e diabete: il ruolo della chirurgia

Da un mio articolo su corriere.it (link all’originale)

MILANO – Diabesità: è con questo termine che si indica la pericolosa relazione tra diabete e obesità. Un binomio che nei Paesi più sviluppati del mondo sta creando non poche preoccupazioni nelle scelte in tema di politica sanitaria e prevenzione. Buone notizie però arrivano dagli Stati Uniti. Secondo uno studio pubblicato dalla rivista Archives of Surgery, la chirurgia bariatrica è in grado di generare una riduzione nei costi di gestione sanitaria del 70%. Ciò è possibile perché il 75% delle persone affette da “diabesità” che si sottopongono all’intervento nell’arco di un anno non necessitano più di farmaci per controllare il diabete. L’indagine, oltre a rilevare un grande risparmio economico, sembra confermare l’efficacia dell’approccio chirurgico nella cura del diabete di tipo 2.

NUMERI ALLARMANTI – Secondo gli ultimi dati raccolti nel nostro Paese, 4 italiani su 10 al di sopra dei 18 anni sono in sovrappeso, mentre uno su 10 è obeso. Al di fuori dei nostri confini i numeri non sono certo confortanti. Nei Paesi occidentali l’obesità tocca circa l’8-10% della popolazione. Un fenomeno che spesso viene percepito dal malato come una questione puramente estetica. Al contrario l’obesità è causa di molte altre patologie tra cui il diabete di tipo 2. Gran parte dei nuovi casi sembra infatti essere correlato ai chili in più causati da uno stile di vita non propriamente sano. Secondo gli addetti ai lavori la diffusione sempre maggiore di persone obese e diabetiche sta portando a un sovraffollamento delle strutture sanitarie con conseguenti gravi ripercussioni nella spesa pubblica.

CHIRURGIA BARIATRICA – Una delle misure più drastiche nella cura dei pazienti obesi è la chirurgia bariatrica, applicata spesso quando la dieta, le cure farmacologiche e il cambiamento nello stile di vita non bastano a migliorare la situazione nella persona obesa. Tra le tecniche più utilizzate nella chirurgia bariatrica vi è il bendaggio gastrico, volto a ridurre il volume del tratto digerente per provocare così senso di sazietà preococe e il by-pass digiuno-ileale, attraverso il quale si diminuisce la capacità di assorbimento da parte dell’intestino.

COSTI E RISPARMI – Lo studio ha dimostrato che il risultato finale dell’intervento chirurgico è quello, oltre che di curare il malato, di generare notevoli risparmi nei costi di gestione delle persone obese e diabetiche. I ricercatori della Johns Hopkins University di Baltimora (Stati Uniti) hanno monitorato per circa due anni 2.235 pazienti con diabete di tipo 2 curati attraverso chirurgia bariatrica per problemi di forte obesità tra il 2002 e il 2005 all’intervento. Con l’utilizzo di questa tecnica, nei pazienti in cui è possibile, il costo delle cure è risultato ridotto del 34% dopo due anni dal trattamento e addirittura del 70% l’anno successivo. Spiega Martin A. Makary, uno degli autori dello studio: «I dati raccolti hanno mostrato che questo genere di approccio ha enormi implicazioni sulla salute pubblica e sul controllo dei costi sanitari». I dati infatti parlano chiaro: negli Stati Uniti il costo per l’assistenza di una persona con queste patologie è stimato intorno ai 6 mila dollari annui.

RAGIONI DEL SUCCESSO – Il notevole risparmio generato dalla chirurgia bariatrica è da ricercarsi nella sua efficacia nella cura del diabete. Successo confermato dallo studio dei ricercatori statunitensi. Infatti, dopo soli sei mesi dall’operazione, circa il 75% delle persone smette definitivamente di utilizzare i farmaci normalmente assunti per la cura della patologia. Non solo, la mancata necessità di fornire cure per il diabete si verifica ancor prima che avvenga il calo del peso corporeo. Questo conferma, come già suggerito da studi precedenti, che la cura della malattia non sia solo correlata alla perdita di peso ma sia mediata anche dagli ormoni gastrici.

Un vaccino naturale chiamato Fido

Da un mio articolo su Corriere.it (link all’articolo originale)
MILANO – Si dice che il cane sia il miglior amico dell’uomo, ma da oggi si potrebbe anche dire che il cane sia il miglior alleato contro le allergie. Infatti, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Journal of Pediatrics dai ricercatori del Children’s Hospital di Boston e della University of Cincinnati (Usa), i bambini che a un anno di età hanno un cane come compagno di gioco hanno minori probabilità di sviluppare un eczema a 4 anni e di diventare allergici anche nei confronti del pelo di gatto. Non è vero però il contrario: se in casa è presente l’eterno nemico del cane, il rischio di ammalarsi aumenta sensibilmente.

LO STUDIO – L’indagine ha preso in esame un campione composto da 638 bambini figli di genitori allergici, e che per questo si riteneva avessero una probabilità maggiore di ammalarsi rispetto a dei bambini con genitori sani. I volontari sono stati monitorati dalla nascita sino al quarto anno di età attraverso 17 differenti test allergologici effettuati annualmente. Dai risultati è emerso che i bambini che all’interno della propria casa avevano un cane erano meno predisposti a sviluppare l’eczema, se l’animale era presente sin dai primi giorni di vita del neonato. Per contro, se il miglior amico dell’uomo e il neonato venivano tenuti lontani sin dalla nascita, la probabilità di avere eczemi aumentava di ben 4 volte. Discorso completamente differente è quello che riguarda invece i felini. A differenza dei cani, la presenza di un gatto in casa aumentava di circa 13 volte la possibilità di sviluppare un eczema nei bambini a rischio di allergia. La presenza del gatto però non influiva in maniera negativa sulla presenza di eczemi nei bambini senza predisposizione familiare.

POSSIBILE SPIEGAZIONE – In base ai risultati ottenuti dai ricercatori americani sembrerebbe che la presenza del cane conferisca ai bambini la necessaria protezione immunitaria contro l’eczema. Fido rappresenterebbe dunque una sorta di vaccino in carne e ossa capace di immunizzare il neonato sin dalla nascita. «L’effetto protettivo potrebbe essere dovuto a una sorta di immunoterapia naturale – spiega Tolly Epstein, una delle autrici dello studio -. I bambini che stanno a lungo a contatto con i cani diventerebbero nel tempo tolleranti ai suoi allergeni».

NON SOLO CIBO – Lo studio ha inoltre preso in esame alcune tra le più comuni allergie alimentari, come quella che vede imputato l’uovo come principale fattore scatenante l’eczema. Al contrario di quel che ci si poteva aspettare, dai risultati ottenuti non è emersa nessuna relazione tra l’alimento in questione e la manifestazione di eruzioni cutanee. «Spesso – dichiara Epstein – quando si parla di allergie nei bambini si tende a focalizzare l’attenzione su quelle alimentari. Il nostro studio ha dimostrato invece che gli allergeni presenti nell’aria, prodotti dagli animali o dovuti all’inquinamento atmosferico, possono avere un ruolo più importante di quanto si è sempre pensato».

Daniele Banfi